mercoledì 26 novembre 2014

Benedetto XVI in Croazia: Se la coscienza viene riscoperta quale luogo dell’ascolto della verità e del bene c’è speranza per il futuro (YouTube)




LINK DIRETTO SU YOUTUBE


Grazie al lavoro della nostra Gemma riascoltiamo una delle pietre miliari del Pontificato di Joseph Ratzinger.
Il 4 giugno 2011, in occasione del suo Viaggio Apostolico in Croazia, Benedetto XVI tenne uno dei discorsi più appassionati del suo Papato, descrivendo in modo magistrale il concetto di "coscienza".


Il testo del discorso è consultabile qui.


In particolare:


"La dimensione dell’universalità, distintiva dell’arte e della cultura, è particolarmente congeniale al Cristianesimo e alla Chiesa Cattolica. Cristo è pienamente uomo, e tutto ciò che è umano trova in Lui e nella sua Parola pienezza di vita e di significato.
Questo splendido Teatro è un luogo simbolico, che esprime la vostra identità nazionale e culturale. Potervi incontrare qui, riuniti insieme, è un motivo ulteriore di gioia dello spirito, perché la Chiesa è un mistero di comunione e gioisce sempre della comunione, nella ricchezza delle diversità".


"La religione mette l’uomo in relazione con Dio, Creatore e Padre di tutti, e deve quindi essere una forza di pace. Le religioni devono sempre purificarsi secondo questa loro vera essenza per corrispondere alla loro genuina missione.


E qui vorrei introdurre il tema centrale della mia breve riflessione: quello della coscienza. Esso è trasversale rispetto ai differenti campi che vi vedono impegnati ed è fondamentale per una società libera e giusta, sia a livello nazionale che sovranazionale. Penso, naturalmente all’Europa, di cui la Croazia è da sempre parte sul piano storico-culturale, mentre sta per entrarvi su quello politico-istituzionale.


Ebbene, le grandi conquiste dell’età moderna, cioè il riconoscimento e la garanzia della libertà di coscienza, dei diritti umani, della libertà della scienza e, quindi, di una società libera, sono da confermare e da sviluppare mantenendo però aperte la razionalità e la libertà al loro fondamento trascendente, per evitare che tali conquiste si auto-cancellino, come purtroppo dobbiamo constatare in non pochi casi. La qualità della vita sociale e civile, la qualità della democrazia dipendono in buona parte da questo punto “critico” che è la coscienza, da come la si intende e da quanto si investe sulla sua formazione.


Se la coscienza, secondo il prevalente pensiero moderno, viene ridotta all’ambito del soggettivo, in cui si relegano la religione e la morale, la crisi dell’occidente non ha rimedio e l’Europa è destinata all’involuzione. Se invece la coscienza viene riscoperta quale luogo dell’ascolto della verità e del bene, luogo della responsabilità davanti a Dio e ai fratelli in umanità – che è la forza contro ogni dittatura – allora c’è speranza per il futuro".


"Ritorniamo dunque alla coscienza come chiave di volta per l’elaborazione culturale e per la costruzione del bene comune. È nella formazione delle coscienze che la Chiesa offre alla società il suo contributo più proprio e prezioso. Un contributo che comincia nella famiglia e che trova un importante rinforzo nella parrocchia, dove i bambini e i ragazzi, e poi i giovani imparano ad approfondire le Sacre Scritture, che sono il “grande codice” della cultura europea; e al tempo stesso imparano il senso della comunità fondata sul dono, non sull’interesse economico o sull’ideologia, ma sull’amore, che è “la principale forza propulsiva per il vero sviluppo di ogni persona e dell’umanità intera".

venerdì 21 novembre 2014

Benedetto XVI: Il primo servizio del Successore di Pietro è quello della fede (YouTube)




LINK DIRETTO SU YOUTUBE


Grazie al lavoro della nostra Gemma rivediamo un altro importante tassello del Pontificato di Benedetto XVI.
Esattamente quattro anni fa, il 21 novembre 2014, Benedetto XVI consegnava l'anello ai nuovi cardinali e teneva un'omelia il cui testo è consultabile qui.

Benedetto XVI ai cardinali: Nella Chiesa nessuno è padrone, ma tutti sono chiamati, tutti sono inviati, tutti sono raggiunti e guidati dalla grazia divina (YouTube)




LINK DIRETTO SU YOUTUBE


Grazie al lavoro della nostra Gemma rivediamo un'altra pietra miliare del Pontificato di Joseph Ratzinger.
Il 20 novembre 2010 Benedetto XVI tenne un Concistoro per la creazione di nuovi cardinali. Nella bellissima omelia (testo integrale) pronunciò parole importantissime sul ruolo dei porporati.


In particolare:


"Gesù è in cammino verso Gerusalemme e preannunzia per la terza volta, indicandola ai discepoli, la via attraverso la quale intende portare a compimento l’opera affidatagli dal Padre: è la via dell’umile dono di sé fino al sacrificio della vita, la via della Passione, la via della Croce. Eppure, anche dopo questo annuncio, come è avvenuto per i precedenti, i discepoli rivelano tutta la loro fatica a comprendere, a operare il necessario “esodo” da una mentalità mondana alla mentalità di Dio. In questo caso sono i due figli di Zebedeo, Giacomo e Giovanni, che chiedono a Gesù di sedere ai primi posti accanto a lui nella “gloria”, manifestando attese e progetti di grandezza, di autorità, di onore secondo il mondo. Gesù, che conosce il cuore dell’uomo, non rimane turbato per questa richiesta, ma ne mette subito in luce la portata profonda: “voi non sapete quello che chiedete”; poi guida i due fratelli a comprendere che cosa comporta mettersi alla sua sequela".


"Qual è allora la via che deve percorrere chi vuole essere discepolo? E’ la via del Maestro, è la via della totale obbedienza a Dio. Per questo Gesù chiede a Giacomo e a Giovanni: siete disposti a condividere la mia scelta di compiere fino in fondo la volontà del Padre?
Siete disposti a percorrere questa strada che passa per l’umiliazione, la sofferenza e la morte per amore? I due discepoli, con la loro risposta sicura, “lo possiamo”, mostrano, ancora una volta, di non aver capito il senso reale di ciò che prospetta loro il Maestro.
E di nuovo Gesù, con pazienza, fa compiere loro un passo ulteriore: neppure sperimentare il calice della sofferenza e il battesimo della morte dà diritto ai primi posti, perché ciò è “per coloro per i quali è stato preparato”, è nelle mani del Padre Celeste; l’uomo non deve calcolare, deve semplicemente abbandonarsi a Dio, senza pretese, conformandosi alla sua volontà".
Nella Chiesa nessuno è padrone, ma tutti sono chiamati, tutti sono inviati, tutti sono raggiunti e guidati dalla grazia divina. E questa è anche la nostra sicurezza! Solo riascoltando la parola di Gesù, che chiede “vieni e seguimi”, solo ritornando alla vocazione originaria è possibile intendere la propria presenza e la propria missione nella Chiesa come autentici discepoli".


"E Gesù indica anche il punto di riferimento: il Figlio dell’uomo, che è venuto per servire; sintetizza cioè la sua missione sotto la categoria del servizio, inteso non in senso generico, ma in quello concreto della Croce, del dono totale della vita come “riscatto”, come redenzione per molti, e lo indica come condizione per la sequela. E’ un messaggio che vale per gli Apostoli, vale per tutta la Chiesa, vale soprattutto per coloro che hanno compiti di guida nel Popolo di Dio. Non è la logica del dominio, del potere secondo i criteri umani, ma la logica del chinarsi per lavare i piedi, la logica del servizio, la logica della Croce che è alla base di ogni esercizio dell’autorità. In ogni tempo la Chiesa è impegnata a conformarsi a questa logica e a testimoniarla per far trasparire la vera “Signoria di Dio”, quella dell’amore".

martedì 18 novembre 2014

Le suggestive immagini dell'arrivo di Benedetto XVI a Mariazell, in Austria (YouTube)




LINK DIRETTO SU YOUTUBE


L'8 settembre 2007, Giorno della Natività della Vergine Maria, in occasione del suo Viaggio Apostolico in Austria, Benedetto XVI si reca a Mariazell per la celebrazione della Santa Messa. Suggestive le immagini e bellissimi i canti.
L'omelia della Santa Messa è a questo link.
Grazie come sempre a Gemma :-)
R.

domenica 16 novembre 2014

La parabola dei talenti spiegata da Benedetto XVI (Angelus, 13 novembre 2011)




LINK DIRETTO SU YOUTUBE


Grazie al lavoro della nostra Gemma rivediamo l'Angelus del 13 novembre 2011 nel quale Benedetto XVI spiegava la celebre parabola dei talenti.
Il testo integrale si trova qui.

lunedì 10 novembre 2014

Discorso di Giovanni Paolo II ai giovani di Bologna sull'Eucarestia, 27 settembre 1997 (YouTube)




LINK DIRETTO SU YOUTUBE


Grazie al lavoro della nostra Gemma rivediamo una vera "chicca". E' un video molto prezioso perché purtroppo non ce ne sono molti relativi al Pontificato di Papa Wojtyla.
Il 27 settembre 1997 Giovanni Paolo II presenziò al concerto organizzato a Bologna in occasione del XXIII Congresso Eucaristico Nazionale. Al termine della manifestazione canora pronunciò un discorso bellissimo sul concetto di Eucarestia. Prima di congedarsi rimarcò il discorso con alcune parole "a braccio".
La trascrizione integrale è consultabile qui.
Rivediamo anche gli interventi artistici di Andrea Bocelli e degli indimenticabili Lucio Dalla e
Michel Petrucciani.

giovedì 6 novembre 2014

Benedetto XVI a Les Combes fra fedeli e giornalisti: il videoracconto (YouTube)




LINK DIRETTO SU YOUTUBE


Immagini bellissime e commoventi delle vacanze di Benedetto XVI a Les Combes (2005-2006-2009).
Da notare l'immensa cordialità e l'inimitabile disponibilità del Santo Padre con TUTTI.
Grazie a Gemma per il suo instancabile lavoro :-)
R.

martedì 4 novembre 2014

Il grande cuore di Benedetto XVI con i fedeli ed i giornalisti a Les Combes (SkyTg24)




LINK DIRETTO SU YOUTUBE


Grazie alla nostra Gemma rivediamo una vera "chicca" che dice molto sul carattere e la bontà di Joseph Ratzinger.
Il servizio di SkyTg24 sulle vacanze di Benedetto XVI a Les Combes nel 2006.
Da notare la grandissima disponibilità del Santo Padre con i fedeli e con i giornalisti.