venerdì 22 marzo 2013

Bergoglio, Ratzinger e le leggende metropolitane (Tornielli)

Clicca qui per leggere il commento.

25 commenti:

Anonimo ha detto...

Cara Raffaella, a proposito di leggende metropolitane, hai sentito l'ultima (quella della guardia svizzera)?
Diffusa su FB, è un loop che si autocita, quindi è una gran palla!

Aiutooooo!!!
Ma perchééééé???
Bastaaaaa!!!

Che senso ha inventare tutte queste storielle? Sono solo noiose per chi le legge e imbarazzanti per chi le scrive! :-(

Tornando a Papa Benedetto XVI, nessuno può conoscere i Suoi sentimenti, e poi proprio alla vigilia del grande incontro. Quindi fossi in Tornielli, eviterei di dire quel che non può sapere, e per delicatezza non farei proprio cenno a quel che pensa il Papa emerito.
Io ho paura delle palle mega-giga-iper-galattiche che prenderanno il volo domani...e che colpiranno ancora lui...ovviamente...mah, speriamo che si rimanga nei limiti della decenza, almeno...

Ester (pessimista ma amaramente realista).

Luisa ha detto...

Solo Mons. Marini sa quel che gli ha detto Jorge Bergoglio in Conclave, quel che è reale e non discutibile è il rifiuto del novello eletto di indossare i simboli legati al Ministero che aveva appena accettato, in rottura, e non in continuità, con i suoi predecessori.
Per quel che riguarda l`umiltà e il mancato protagonismo del Papa, come scrive Tornielli, se posso sottoscrivere le sue parole per Benedetto XVI che ha incarnato durante il suo Pontificato l`umiltà, cancellandosi per portare il nostro sguardo sempre e solo a Cristo, e facendolo veramente e non solo in parole, per quel che riguarda il suo successore, per il momento, vedo una volontà forte di dissociarsi, di ostentare la sua differenza, un carattere forte che si impone e impone la sua volontà.
Vedremo come si manifesterà la sua personalità nel governo della Chiesa e in che direzione guiderà la Barca di Pietro.

Raffaella ha detto...

Quella della merendina? :-))
Il "bello" e' che qualcuno ci crede!
Quanto a Benedetto, e' abituato a fare il parafulmine ma dopo Pasqua si deve iniziare a fare sul serio proseguendo sulla strada tracciata da Papa Ratzinger.
Il terreno e' arato, la sporcizia e' stata in gran parte rimossa.
Forza, allora!
R.

Anonimo ha detto...

il problema non sono i fedeli o quelli folgorati dalla presunta novità.
il guaio sono giornali e televisioni che stanno gettando fango addosso a ratzinger dimenticando quanto ha fatto per combattere il putridume a ogni livello della chiesa.
è facile attaccare una persona anziana che ha scelto di non mostrarsi e parlare più.
è più difficile prendersela con chi ha il vero potere in vaticano.
a ratzinger non è stata data nemmeno una possibilità.
maltrattato e lasciato solo dall'inizio alla fine.

Anonimo ha detto...

Sì Raffaella, la merendina! :-(

...ma che scemenza...e ancor più allocco chi ci crede...anche senza fare la prova del nove della fonte, basterebbe pensare che le Guardie Svizzere sono dei militari, quindi sono abituati a stare in piedi tanto tempo, a fare i turni di guardia, e sono tenuti a rispettare tutte le norme e le regole del proprio Corpo d'appartenenza.

Io temo e tremo per domani. Credo che a Castel Gandolfo saranno registrati molti miracoli...in Inglese, quando piove molto, si dice che piovono "cani e gatti"; in Italia invece, ultimamente, piovono "bufale"! Dobbiamo quindi premunirci di ombrello adeguato!

Pronti???

Ester (pensierosa).

laura ha detto...

Son moloto preoccupata anche io. non os neppure immaginare cosa possa pensare Papa Bendetto. Forse, semplicemtne, prega , come aeva assicurato, per il suo sucessore e per la Chiesa utta e per noi che siamo spaesati. Accettare Bergoglio non è facile pech<i ha una sepur minima conscenza della liturgia e della strutura dell'anno liturgico che si fonda sul triduo pasquale.

I suoi gesti son rivolzionari in senso negativo, perché scardinano l'essnza della nostra fede. Se sottuisce la lavanda ei piedi con l'isitutzione dell'Eucaritia, cosa rimane? Se Papa Benedetto gli desse una raddrizzata sarebbe molto utile, ma biosgna vedere se francesco ha l'umiltà che professa e sbandiera ai quatrro venti e l'intelligenza per capire che Roma non è Buenos Airese che ora è Papa oltre che vescovo. Scusate il ton , ma son molto preoccupata e avvilitissima per Papa Benedetto. Per chi e per cosa ha alvorato e speso tuta la Sua vita e le Sue nerie, fino al punto di non reggersi più in piedi e di essere costretto a lasciare sentendo venire meno le forze per combattere in un ambiente dove non ha potuto mai contare sull'appoggio di nessuno? la Sua feddimmensa Glki ha premesso di affidare la Chiesa al signore e d iessere sicuro che Cristo non lascerà affondare la Sua Chiesa nonostante tutto. Sono soncertata dal comportamento di papa francesco e dal clamore mediatico sia in ambito laico che ecclesiastico. Sembra che tutti abbiano perso la ragione e la lucidità per capire che, finora, le scelte e i gesti fatti finora, la di là delle apprenze dal pacifismo, ambientalismo e pauperismo, fa quello che vuole, senza regole e snza logica. Sarò scomunicata ma non posso scrivere ciò che non penso

Anonimo ha detto...

i vaticanisti muovono molto spesso a pietà, soprattutto tra un regno e l'altro, pronti a difendere sempre il più forte.
Nessuno fa più caso alla gravità dell'ora: un papa che rinuncia, il successore che già lo "schiaccia"...
che stolti! Ci abbiatuiamo facilmente a tutto!

gemma ha detto...

strano però che le uniche categorie segnate a dito siano i "montiniani" e i "ratzingeriani". Da entrambi questi gruppi di supporter i relativi papi e le loro memorie dovrebbero guardarsi , guarda caso tutta gente che per amare Montini e Ratzinger ha dovuto soffrire, in perfetta comunione coi loro papi tocca pure a loro lo spregiativo. Quelli che invece hanno ritenuto di difendere la memoria di Giovanni Paolo II o hanno faticato a proseguire senza di lui (e quanti ne abbiamo visti) e i deliranti per Francesco che non sopportavano chi c'era prima, quelli no, quelli sono semplicemente fedeli giusti. Dio salvi i papi dai vaticanisti, soprattutto nei momenti di cambio di pontificato

Anonimo ha detto...

benedetto ha già perdonato tutti ma nulla giustifica il comportamento di certi vaticanisti che hanno condannato ratzinger da cardinale da papa e ora da emerito.

Anonimo ha detto...

Anche se PF avesse detto preferisco di no, per Marini era comunque un ordine che andava contro la sua professionalità. E se a Tornielli da fastidio che nonostante tutto ci siano ancora dei ratzingeriani, mi da qualche preoccupazione. Eufemia

Biancamargherita ha detto...

Io penso che Papa Benedetto sia profondamente buono e che, quello che ha detto Tornielli, in un certo senso, sia vero. Benedetto ha sempre rinunciato a tutto per il bene della Chiesa e, attenzione, con gioia. La sua serenità è sempre davanti ai miei occhi. Certo "anche Lui è un uomo". A chi non piace essere amato, osannato o applaudito ma anche Lui, spesso in mezzo a mille contraddizioni, lo è stato. Chi ha amato e ama Benedetto, credo di non sbagliare Raffaella, lo ha amato e lo ama con una intensità stratosferica. Forse sono di meno di quanti hanno amato Giovanni Paolo II o amano Francesco? Forse sì ma con quale intensità! Pensiamo a noi; io penso al mio sentimento e so che non è un fuoco di paglia. Possiamo dire altrettanto di tanti "invasati" che ho visto a San Pietro durante il primo Angelus di Francesco? No, sono sicurissima che chi ama Benedetto lo ama perché lo ha capito profondamente e cerca di seguirne l'insegnamento. Grazie

cc ha detto...

" E così come va salvato Paolo VI da certi «montiniani» che si ritengono gli unici custodi autorizzati della sua memoria, così va salvato Benedetto XVI da certi «ratzingeriani» che in più di un'occasione hanno preteso di insegnargli pure il mestiere di Papa" scusate ma a chi si starebbe rivolgendo tornielli? chi sarebbero 'sti ratzingeriani? dove li vede i ratzingeriani? dove li sente i ratzingeriani? evidentemente vivo in una realta' parallela perche' dal giorno dell'annuncio delle dimissioni per Papa Benedetto si usano due tipi di trattamento. quello benevolo lo descrive come un poveraccio (fragile) disorientato (umano) che ha avuto la buona pensata (il coraggio) di togliersi di mezzo. quello malevolo lo descrive come un fallito che ha anche la colpa di non togliersi di mezzo definitivamente per evitare un caos istituzionale e un imbarazzo al nuovo pontefice. ma di chi parla tornielli? di che parla? NON C'E' STATO UNO STRACCIO DI ARTICOLO, DI CONSIDERAZIONE SU BENEDETTO IN QUESTI DUE MESI CHE NON ABBIA GRONDATO IPOCRISIA E PIETISMO DA QUATTRO SOLDI. A NESSUNO E' VENUTO IN MENTE CHE L'UNICA MANIERA PER "SALVARE RATZINGER" E' RENDERGLI GIUSTIZIA, RENDERE TESTIMONIANZA ALLA VERITA' DI UN PONTIFICATO A CUI ALL'ANELLO D'ORO E L'ERMELLINO SI E' ACCOMPAGNATO LA CORONA DI SPINE, GLI SPUTI IN FACCIA E LE SERCIATE AD OGNI PASSO. A TORNIE'....MA CHE STAI A DI''????!?

Eugenia ha detto...

A proposito di leggende metropolitane è rispuntato fuori Pietro Orlandi che ovviamente guarda caso ha trovato in Pf chi lo ascolta! Prepariamoci ad un altra dose di melassa giornalistica! E di veleno per il suo predecessore

mariateresa ha detto...

il pistolotto di Tornielli è da restituire al mittente. Il cerchiobottismo virtuoso io lo trovo penoso.
Si sono sentite cose deliranti in questi giorni, ma siccome è più comodo stare nella massa che da soli con la propria coscienza, si sono visti chiaramente dei riposizionamenti alla speedy gonzales.
E poi le leggende metropolitane girano perchè certi precisazioni arrivano dopo un comodo periodo di tempo. Ormai mons. Marini la sua badilata di cacca l'ha ricevuta e perchè mai? ma perchè fin dall'inizio è stato accolto a palle di fango perchè gli preferivano l'altro Marini. Non se lo ricorda Tornielli? Ora finalmente i commissari del popolo si sono potuti vendicare.
Non ci sono solo montiniani e ratzingeriani, ci sono anche gli opportunisti in servizio permanente effettivo. Sono la maggioranza.
L'unica cosa che condivido è che il nostro Benedetto non se la prende, questo è certo. Se fosse uno deboluccio che se la prendeva non avrebbe fatto non dico 8 anni di pontificato ma neanche 8 minuti.Ma lui è un santo e prima di arrivare anche solo in prossimità della sua bontà ne ho di strada da fare.

sam ha detto...

Mi era sfuggito.
A quanto pare non siamo sole a provare nostalgia.

http://www.cantualeantonianum.com/2013/03/messe-di-inaugurazione-del-ministero.html

Anonimo ha detto...

http://fidesetforma.blogspot.it/2013/03/utili-letture.html

Anonimo ha detto...

Il problema principale per papa Benedetto in questi anni è che non è stato accettato dai cattolici che contano (sia clerici che scribi), tanto che il telegenico Marini senior ha sua bella rubrica fissa su Sat 2000 in grande evidenza nella home page, come è telegenico il folclore pauperista imperante da scampagnata domenicale. Poi ci sono i pochissimi snob ratzingeriani da cacciare fuori dall'arco costituzionale. Eufemia

Anonimo ha detto...

A proposito di Tv2000, se siete alla ricerca di un'ottima emittente religiosa, segnalo Tele Radio Buon Consiglio, gestita dalle Suore Francescane dell'Immacolata.
Io TV2000 la guardo solo quando trasmette che so, I Passi nel Silenzio, i film religiosi, la diretta del Giovedì Santo (Ora d'Agonia) dalla Chiesa del Getsemani...lascio perdere i programmi-contenitore perché spesso sono avvilenti, la fiera delle banalità...
Oh, adesso ditemi un po': ma davvero Marini senior è una presenza fissa su TV2000? Se così fosse, mi spiegherei qualcosina... ;-)

Ester. (che si prepara alla Settimana Santa, ma è umana e dunque talora cattivella ;-)

Raffaella ha detto...

Ciao Ester, ci dai qualche indicazione? Questo canale e' visibile sul digitale terrestre?
Un abbraccio
R.

Anonimo ha detto...

Ciao Raffaella, io seguo TRBC su internet:

http://rbuonconsiglio.net/

Nel Sud Italia dovrebbe vedersi in DT free al canale 81, non so se è raggiungibile con il satellitare fuori zona. Io seguo da pc e mi trovo bene. Si dà spazio a varie devozioni popolari, ci sono trasmissioni di approfondimento catechetico, insomma è una bella emittente, secondo me. :-)

Ester. (che oggi fa pubblicità ;-)

Anonimo ha detto...

però anche tornielli mi ha un po' deluso.
max2

Raffaella ha detto...

Cerchiamo di non esagerare.
Non possiamo prendercela con Tornielli.
Ben altri vaticanisti meriterebbero un "appunto" da parte nostra.
R.

Andrea Tornielli ha detto...

Ringrazio tutti per l'attenzione. Rispedisco al mittente chi mi associa agli infangatori di Ratzinger (trovatemi una citazione please). Mi stupisco davvero che un articolo nel quale si mettono in luce gli elementi profondi di continuità (solo una mente malata può pensare che la continuità sia nell'ermellino, con rispetto parlando per le menti malate e gli ermellini, quantunque sintetici).
Mi stupisco anche che non si sia colto il fatto che quel riferimento ai "ratzingeriani" era per coloro che in questi otto anni hanno cercato di insegnare il mestiere al Papa, corregendolo quando non appariva in linea con suo stesso pontificato.
Spero che le espressioni di Laura siano state scritte in un momento di sfogo: se l'amore per Papa Ratzinger - ragione di questo blog - porta come esito quello di insegnare che cos'è la liturgia al suo successore, beh credo proprio che "la cosa non va!" (uso citazione di Francesco, messa nella Cappella Sistina, riferita ovviamente a tutt'altro).
Credo che Ratzinger piangerebbe amaramente nel leggere i vostri commenti e chiederebbe lui scusa per voi al suo successore.
Buona continuazione
Andrea Tornielli

gemma ha detto...

In questo blog mi pare che certi commenti di critica ci siano sempre stati, non per questo in passato ci si diceva che leggendoli papa Ratzinger si sarebbe vergognato di noi. Grazie al cielo non legge, ma mi si permetta, citare fra tutti noi vergognevoli Laura e' un po' come prendersela con l'anello al momento piu' fragile della catena.

Anonimo ha detto...

In effetti rispetto ad Andrea Tornielli troppi ce ne stanno di peggiori e onnipresenti (alla Melloni o Bianchi ) che cominciano a essere citati la mattina presto a Prima pagina e imperversano tutto il giorno fino alla sera sulla 7. Però non è qui siamo come i giapponesi nella giungla e soffriamo di paranoia continua, né siamo bambini cui hanno tolto il giocattolo: Papa Ratzinger sta veramente male e non ha mai avuto il servile encomio ma il codardo oltraggio di molti.Eufemia