venerdì 15 marzo 2013

Il nuovo corso della sala stampa vaticana. Padre Lombardi: campagna calunniosa e diffamatoria contro Bergoglio

Clicca qui per leggere la notizia.
Fa davvero piacere constatare che la sala stampa ha subito una "conversione" a 360° gradi. Rispetto al 2010 (campagna calunniosa e vergognosa contro Benedetto XVI) si stanno facendo passi da gigante. Ce ne rallegriamo...

39 commenti:

Anonimo ha detto...

che tristezza Raffaella! Perché le medesime persone non hanno agito così per difendere papa Ratzinger?

Anonimo ha detto...

Ce ne rallegriamo. E siamo certi che la prossima settimana risponderanno con altrettanta sollecitudine a un documentario calunnioso contro il Papa emerito, come del resto hanno fatto con mirabile prontezza nel 2010.
Alessia

Raffaella ha detto...

Bella domanda!
R.

Anonimo ha detto...

dimentichi che p. lombardi è gesuita

Raffaella ha detto...

Brava Alessia!
R.

Anonimo ha detto...

Perché anonimo? Già perché?
Le risposte che mi vengono in mente contengono epiteti degni di querela.
Alessia

Francesca Benucci ha detto...

Adesso ci si muove celermente per difendere il Pontefice mi chiedo dov'era tanta solerzia quando Benedetto XVI era chiamato "pastore tedesco" e veniva accusato di essere un nazista o quando lo si incolpava di aver celato nascosto o non punito i preti accusati di pedofifila???? O quando dovette autodifendersi dagli attacchi mossigli dai vescovi con la famosa lettera scritta di suo pugno?????
mahhh mistero della fede...!!!!

sonny ha detto...

Scrive Alessia:

Le risposte che mi vengono in mente contengono epiteti degni di querela.

Brava, infatti preferisco tacere, anche se avrei una gran voglia di farmi querelare.

Eugenia ha detto...

Cara Francesca mistero della fede? Quale fede? Ai posteri l'ardua sentenza! Vorrei complimentarmi con Padre Lombardi per l'efficenza ....... Gesuita per gesuita. Certo difendere Benedetto era difficile visto che aveva contro tutti i media qui è una cosa diversa. Persino Striscia la Notizia è diventata di colpo magnanima col Papa miracoli della Curia!

Anonimo ha detto...

Ad occhio direi di non fare il gioco di quelli che stanno già sottolineando la differenza con il predecessore. Vedi Padre Lombardi di ieri.
Non scendiamo sul loro terreno preferito. Difendiamo questo Papa che è per noi cattolici ( ne di destra ne di sinistra ma semplicemente cattolici) un dono!
Il tempo, le omelie, le decisioni diranno che Francesco è in perfetta linea dottrinale con Benedetto XVI!
Matteo Dellanoce

Anonimo ha detto...

Bergoglio si ricordi che Roma non è la Pampa...se continua così si ritroverà con i gesuiti confinato nelle Riduzioni del Paraguay...

Raffaella ha detto...

Mi dispiace, Matteo, ma il disastro comunicativo sotto Papa Benedetto e' sempre stato sottolineato da questo blog.
Non ha senso tacere.
R.

Francesca Benucci ha detto...

Vorrei aggiungere: e quando lo si minacciava di morte dopo Ratisbona????
Il caro Romano Prodi adesso in odore di nomina presidenziale se usci che lo difendessero gli svizzeri..... vi ricordate?????
dov'era allora la sala stampa vaticana?? non avevano voce o inchiostro per un comunicato??? Poi si puntualizzò le cose diffondendo una nuova traduzione dell'intervento di Benedetto ma dopo quanto???

Raffaella ha detto...

Ribadisco agli Anonimi che hanno scritto che non sono ammessi insulti a Papa Francesco.
Si possono dire le stesse cose con garbo.
R.

Francesca Benucci ha detto...

disastro comunicativo BRAVA Raffaella un disastro non ci sono altre parole....!!!!!!

Anonimo ha detto...

Cara Raffaella,
ormai credo che il disastro comunicativo sotto Benedetto fosse voluto...

Anonimo ha detto...

ratzinger è un grande teologo Bergoglio che ha scritto? Nada de nada...

Anonimo ha detto...

Dunque,rapida carrellata internazionale sui blog cattolici : tutti confermano le tesi di Rodari,quindi nihil novi sub sole,continua su rai 1 la schifosa,smielata campagna pro francesco da parte di valli in preda ad esaltazione incontenibile,tantissimi vanno a confessarsi,anche dopo anni,perchè l'ha detto lui,attese 1 mln.di persone per la messa,ma per valli molte di più,ma il vescovo di Roma ha detto agli argentini'state a casa e destinate ai poveri i soldi del biglietto aereo',sobrietà evangelica,neanche che BXVI vivesse come un re persiano,una sdolcinatura e un servilismo da vomito:piuttosto il papa è inciampato e ha rischiato di finire spiaccicato a terra,sorvoliamo sul segno malaugurante,ma pare abbia seri problemi di salute e si vede da come si muove e questo francamente mi dispiace,o forse è stato eletto per questo,come fu per Ratzinger?Speriamo si dimostri meglio di come lo vogliono far passare e gli faccio gli auguri perchè è un fardello pesante,però....quando lo vedo come gestualità e presenza,beh,lo confesso,mi torna in mente l'inimitabile eleganza di Ratzinger,che non era dovuta solo alla ricchezza degli abiti,ma ad un tratto della sua squisita personalità....mi manca.....tantissimo...GR2

cc ha detto...

le accuse a bergoglio di essere stato in combutta con il regime dittatoriale argentino sono, per quello che so, insulse. i giornaloni italiani hanno giustamente riportato la notizia ma non dandogli quell'accento inquisitorio che usano quando vogliono far capire di ritenere (o per meglio dire di avere interesse che siano ritenute) delle accuse fondate. ahime, per Benedetto xvi quell'accento inquisitorio non e' mai mancato. sottile, sottile, tra le righe, ma ONNIPRESENTE. pensate che sono riusciti a tenere in piedi l'accusa di filonazismo per anni sulla base di un arruolamento nell'esercito di un ragazzino di 14/15 anni durante gli anni piu' duri dell'ultima guerra. ma con Benedetto ho visto cose che voi umani non potreste credere. ho visto una trasmissione televisiva (quella delle iene sul caso del prete pedofilo di savona) nella quale la prova madre della complicita' di Benedetto con i vescovi omertosi della diocesi sarebbe consistita nella mancanza di una lettera. praticamente, per Benedetto la mancanza di prove e' vista come una prova di accusa a carico. a volte tutto questo mi sembra materia per una piece teatrale da teatro dell'assurdo alla eugene ionesco.

Eugenia ha detto...

Caro GR2 servi de lla Curia Romana! Basta ricordare o commenti all'acido muriatico di Valli contro Benedetto durante la visita al museo della shoà in Israele ed il commento altrettanto acido nell'incontro con Bush figlio quando era presidente degli Stati Uniti. Sodano sta operando alla grande! Scommettete che adesso neanche più il fratello della Orlandi si farà vivo? Del resto non c'è mica più Benedetto il cattivo ora!

Francesca Benucci ha detto...

Una domanda mi sorge spontanea: ma Valli ha letto bene il testo dell'omelia di ieri del Papa???? perché se ha commentato che sono in aumento le confessioni mi viene seriamente da chiederglielo.... oltre a fornigli una copia scritta in caratteri belli grossi delle parole di Papa Francesco....!!!!

un passante ha detto...

In un giorno sono aumentate le confessioni? Non c'è più la statua pagana ma ormai siamo all'idolo pagano, caro Valli

A. ha detto...

A chi ha scritto

"Ratzinger è un grande teologo Bergoglio che ha scritto? Nada de nada..."

Io ho sempre amato Papa Benedetto XVI e tutt'ora lo penso, ma vorrei ricordare che San Pietro allora cosa ha scritto che era pure analfabeta? Un Papa non lo si giudica per quello che scrive nonostante io abbia sempre apprezzato lo stile unico di Benedetto XVI. Siamo cattolici o solo a compartamenti stagni quando ci fa comodo? E non mi riferisco a Raffaella che ha sempre portato avanti un lavoro meraviglioso con il suo blog.

Anonimo ha detto...

Azz, campagna calunniosa e diffamatoria? Papa Giovanni Paolo II è il Santo Subito, ma Papa Francesco è il Santo Prima!
Io vedo solo sdilinquimenti per il nuovo Papa perfino da parte del Grande Oriente d'Italia, che per definizione non è che ami molto la Chiesa, mentre per Benedetto XVI, da regnante e da emerito, nessuno ha mai mosso un misero dito per difenderlo da alcuna accusa.
Questo avvalora la mia ipotesi riguardo l'elezione del Papa. Tutti ad operare un cordone sanitario intorno al nuovo Papa, scomodando persino visioni angeliche (da parte di veggenti sui quali non c'è dichiarazione di soprannaturalità), sulle quali però la Sala Stampa Vaticana pare compiacersi addirittura, dato che non ricorda al Popolo di Dio di non fidarsi di ciò che è extra Ecclesiam. Insomma non capisco in alcun modo questo osannare a tutti i costi il nuovo Papa, che non ha ancora fatto nulla. O meglio, qualcosina pare lo stia facendo...e ci sarebbe molto da dire...preghiamo dunque, per il Papa, per la Chiesa, che mentre osanna Papa Francesco dispensa sberle al Cardinal Tauran, e soprattutto per il Papa emerito, sul cui cadavere virtuale si stanno accanendo gli avvoltoi. Almeno Nostro Signore, dopo quel terribile martirio, ebbe il corpo onorato e custodito; a Papa Benedetto stanno negando anche la pace che ha chiesto dopo la "morte" del Suo Pontificato.
Scusate la durezza. Vi abbraccio tutti fraternamente in Cristo, Crocifisso e RISORTO. Ester. :-)

Eugenia ha detto...

Aumentate le confessioni on un giorno? Accidenti che fenomeno ! Peccato che ancora molti pensino che la confessione sia una perdita di tempo, che basta dire un atto di dolore per mettersi a posto davanti a Dio. Da dove arriva questa convinzione? Dalla interpretazione più o meno personale di quanto riportato dal concilio vaticano II

Anonimo ha detto...

qualcuno dovra fare un blog per difendere papa francesco dai commenti che si leggono qua.

Anonimo ha detto...

Scusate ma 'sta storia delle confessioni aumentate mi sembra una battutaccia da Zelig...il Papa parlava di confessare la Fede in Cristo Crocifisso (e magari, aggiungerei io, pure Risorto, dato che non siamo Ebrei ma Cristiani), non di andarsi a confessare...insomma suvvia, io mi son fatta una crassa risata perché la notizia è di un'assurdità che si commenta da sola per due motivi:
1. il fraintendimento tra "confessare la Fede" e "confessare i peccati", che fa nascere il calembour;
2. manco il Ministero dell'Interno durante le elezioni ha la capacità di elaborare così, in tempo reale, i dati: ne desumo che ogni Parrocchia, anzi ogni chiesa, abbia un server e un programma di gestione dati confessione che poi trasmette al Vaticano. Un monitoraggio continuo di cui però non avevamo traccia per i Pontificati precedenti: se ne desume un ulteriore punto
3. le chiese hanno acquistato subito dopo l'elezione del Papa dei dispositivi multimediali con programmi ed app apposite.
Ma, un momento: Papa Francesco ha parlato solo ieri di confessione!
Quindi ieri sera le chiese di tutta Italia si sono dotate di computer o palmare, di programmi excel (magari con le caselle assoluzione SI NO e penitenze) e il Vaticano si è dotato di un server mostruoso per la gestione dati. In pochissime ore, wow!
Azz, però se vado sul sito del Vaticano, mi crasha a causa di un plug-in del cavolo, però nel contempo possono gestire tutti questi dati senza blue-death screens o crashes?
Padre Lombardi, ci spieghi il mistero, ora che, come a Zaccaria, le si è sciolta la linguetta...sa, mi occupo di informatica e voglio imparare anche io... ;-)
Ester.

Francesca Benucci ha detto...

Allora solo per il carissimo vaticanista di rai uno Valli faccio il copia e incolla del pezzo dell'omelia di Papa Francesco: "Terzo, confessare. Noi possiamo camminare quanto vogliamo, noi possiamo edificare tante cose, ma se non confessiamo Gesù Cristo, la cosa non va. Diventeremo una ONG assistenziale, ma non la Chiesa, Sposa del Signore. Quando non si cammina, ci si ferma. Quando non si edifica sulle pietre cosa succede? Succede quello che succede ai bambini sulla spiaggia quando fanno dei palazzi di sabbia, tutto viene giù, è senza consistenza. Quando non si confessa Gesù Cristo, mi sovviene la frase di Léon Bloy: “Chi non prega il Signore, prega il diavolo”. Quando non si confessa Gesù Cristo, si confessa la mondanità del diavolo, la mondanità del demonio"
Allora caro Valli il papa non intendeva "confessare" nel senso di confessare i peccati in confessionale spronando tutti a correre come folgorati nel primo confessionale libero..., ma "confessare" nel senso di testimoniare con le proprie parole e opere la propria fede, quelli ciopè che intorno al VI secolo erano detti "confessori" (vedi San Massimo il confessore che non è un martire del confessionale....)

Anonimo ha detto...

Anonimo delle 15.48,vatti a leggere i commenti sui siti tradizionalisti,altro che questo,poi puoi aprirtene uno per conto tuo....

medievale ha detto...

lo vogliamo capire che non è colpa della sala stampa vaticana se non ha difeso Benedetto xvi, ma è colpa di Benedetto xvi che è stato papa proprio negli anni in cui, in sala stampa, si prendevano un periodo di meritato riposo dopo la frenetica attività del lungo pontificato wojtyliano?!

laura ha detto...

Si sono dati una mossa..............

Che consolazione! che conforto! Dopo 8 anni di letargo hanno aperto gli occhi. Che strano!!!!!!!!!! Tutti entusiasti. 4 parole improvvisate tuti ad osannare il "papa nuovo" e a rettificare accusa infondate contro di l ui. Quanto amore per il papa!!!! che vergogna!!!!!!!!!!!!!!!!!Scusate sescrivo commenti al vetriolo

Anonimo ha detto...

Forse perchè è il nuovo Papa che vuole questa linea e Lombardi si limita ad ubbidire?
Benedetto non avrebbe mai parlato di campagna anticlericale. Mai.

sonny ha detto...

Ormai non ho più parole.

Anonimo ha detto...

Premessa: papa Francesco non ha alcuna colpa di quello che è successo negli scorsi 8 anni e di quello che gli sta succedendo attorno ora.

Detto questo, mi pongo alcune domande.

Sodano ha remato contro per 8 anni. Contro Bertone, ma più o meno velatamente contro Benedetto.
La curia sodaniana non ha mai smesso di influire, dopo aver spadroneggiato nell'ultimo periodo di Giovanni paolo II.
Dopo che tutti, a parole, avevano chiesto riforme in curia, ecco che la curia si riposiziona su Bergoglio.

Improvvisamente tutto pare funzionare: la sala stampa difende il papa (e ci mancherebbe altro... proprio l'altro è quello che spesso non è mancato quando da difendere era Benedetto XVI).
La stampa è così ruffiana da pensare confessionali ingolfati a motivo di un equivoco sul termine confessare. Sarà la stessa che ha preso a pretesto un paradosso di Manuele paleologo per riempire di islamici urlanti le piazze dopo Ratisbona...

Adesso mi manca una verifica: dopo aver convinto Papa Benedetto che fosse meglio abdicare, dopo aver manovrato il pre-conclave, dopo aver proposto nella messa pro-eligendo una candidatura acconcia all'ordine mondiale, dopo aver contrattato (penso) come uscire dal guado, in attesa di sapere, di straforo, che cosa è emerso dall'inchiesta vatileaks, adesso mi aspetto una conferma.

Se per caso fosse Filoni o un suo simile a prendere possesso della segreteria di stato, beh, penso che inizierei a temere qualcosa di brutto...

un fedele con qualche cativo pensiero

Anonimo ha detto...

La massoneria incombe, cari signori. Ratzi, ritorna.

gemma ha detto...

Se però si è fatta tutta questa confusione attorno alla parola confessione da parte di un commentatore che comunque è' cattolico, vuol dire che non siamo di fronte al parlare così semplice e in modo comprensibile a tutti che ci si vuole far credere. Non lo dico per sminuire una bella omelia, ma perché per anni siamo stati stressati con la storia del teologo che non sapeva farsi capire

Anonimo ha detto...

se non si capisce l'ovvio

... valli a capire!

a Milàn se dis de chi ghe 'riva poc: "el capis semper Roma per toma"

ambrosiano contento che Scola resti qui

mariateresa ha detto...

mi sembra che nei commentatori sia scattato un meccanismo penoso di conforrmismo e di eccitazione quasi comica, vedo che già qualche commentatore non mestruato cominciava a notarlo ieri, dopo sole 24 ore. E' anche evidente che i tentativi di screditare papa Francesco sono già iniziati perchè, come mi è già capitato di notare, gli anticlericali rinunciano sempre al sonno contro l'odiato Papa di Roma. Quello che scatta adesso è la difesa della Sala Stampa Vaticana, lo vedremo anche in altre occasioni e forse non è nemmeno il caso di farsi il sangue cattivo, è una cosa prevedibile come il caldo in estate. Guardate però che questa diversità di atteggiamento è così macroscopica che alla fine sarà notata e parlerà da sola.
Il fatto è che qui si va a difendere un papa nuovo che era tabula rasa per
i giornalisti , invece Benedetto era Panzer cardinal e si sono risparmiati la fatica fin dall'inizio.
Ho letto che papa Francesco ha detto in passato che i giornalisti fanno notizia con la diffamazione. Sì, è vero, a volte lo fanno, ma sta ad altri rispondere a muso duro.E con papa Benedetto scattava un meccanismo di timidezza e perchè la sarebbe stato necessario intervenire ogni giorno e perchè non ci sono lì, dei riccardi cuor di leone.
Quanto a Valli, che il Signore lo perdoni. Anche lui ha il suo ciclo e deve eccitarsi con gli altri ed è dimostrato , con la statua pagana, che non ha il senso del ridicolo.

Anonimo ha detto...

Per l'anonimo delle 15, 23, quali visioni angeliche? da parte di quali veggenti se si può dire?
Grazie