sabato 16 marzo 2013

Domanda "facile facile": come mai i tg omettono di riportare le parole di Francesco sul suo venerato predecessore? (R.)

Cari amici, io e Sonny abbiamo notato una "anomalia". Ci poniamo una domanda. Come dite? Una domanda retorica? Vabbe'...non guardiamo il capello :-))
Come mai i nostri telegiornali dedicano meta' del tempo di messa in onda a Papa Francesco (e giustamente!) ma omettono sempre di riportare le belle parole che il Pontefice riserva a Benedetto?
E' accaduto ieri, si e' fatto il bis anche oggi.
Come mai?
Non vorremmo pensare che i media vogliano creare una discontinuita' fra i due Papi che, di fatto, non esiste almeno stando alle parole di Francesco.
Ci sbagliamo? Oh...che peccato :-)
R.

p.s. ma non ci sono piu' i "radicali" di una volta? Quelli che si lamentavano se i telegiornali dedicavano a Benedetto piu' di mezzo minuto?

53 commenti:

Anonimo ha detto...

non esiste nelle parole ma nei fatti almeno, si.
Oggi neanche la benedizione apostolica ai giornalisti per rispettare la coscienza di ciascuno...
Ma credenti e non credenti erano anche in piazza la sera del 13!

Eugenia ha detto...

Vogliono far passare Francesco per il fustigatore di Ratzinger e per colui che disdegna la continuità con il suo predecessore! Io speo che presto abbiano un amaro risveglio da questo stato di catalessi isterica !

laura ha detto...

Son immamorati pazzi di Francesco, novello messia e non ci capiscono più niente.

C'è un sacco di gente "fuori di testa". aprite questo link: http://www.capannorinews.info/2013/03/16/parroco-prende-mazzetta-e-rompe-televisore-durante-messa-fedeli-attoniti/

Uomo di Chiesa ha detto...

Certe superficialità risparmiamole. Il Papa non è tenuto a dare benedizioni in ogni circostanza , dalla loggia delle Benedizioni , mi pare logico che benedica no? Che scandalo che non abbia benedetto i giornalisti ma abbia invece ricordato ai non credenti li presenti che tutti siamo figli di Dio , roba da stracciarsi le vesti ! La cosa preoccupante è che ci si scandalizza in ambito cattolico non per una mancanza di fede retta del Papa ma ci si scandalizza per la forma !

Anonimo ha detto...

Per me fate tutti lo stesso errore ovvero commenti sull'onda dell'emotività. Su su date tempo al tempo e vedrete come si rimpiangerà Benedetto... Dovrà parlare Francesco di temi scomodi e non mi pare che quando lo ha fatto in passato fosse stato tenero. E poi se Dio ha ispirato Benedetto sapeva cosa sarebbe accaduto. Fiducia su... che la vigna è stata potata per bene.

Raffaella ha detto...

Ma si scherza!
Spero che la frecciata non sia rivolta a me!
Non ho assolutamente attaccato Francesco. Ho solo punzecchiato i media!
Posso dirlo? Non vedo l'ora che i castelli mediatici crollino inesorabilmente e stavolta qualcuno si fara' davvero male :-))
R.

Anonimo ha detto...

E che centri tu? :) Benedetto nelle ultime parole da papa ha detto martirio, croce, nascondimento... ragiona da cristiano. Pensateci... Dio ha logiche diverse... È giusto difenderlo... ma occhio alla croce. E quello che sta avvenendo è nella logica della croce. Finalmente.

Anonimo ha detto...

raffaella guarda rai uno, panegirico di francesco, poi una sola domanda su benedetto, il papateologo, distante chenon é riuscito a far ela riforme e per questo si é dimesso, e poi vai con woijtila papa dei cantanti, un angelo a cui mancavano le ali! mi sembra di tornare a apolo VI, vaso di coccio tra vasi di ferro. Intanto benedetto s'é dovuto prendere tutta la m...lasciata dal predecessore, e che il successore non troverà, perché é stata messa tutta addosso a benedtto. Santo Cireneo, per te il tuo Signore vuole lasciarit la croce fino all'utlimo! Splenderai più delle stelle, beato te umile perché sarai innalzato, Raffaella, io la metterei in alto nel blog:

non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade per essere lodati dagli uomini. In verità vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Tu prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

Anonimo ha detto...

«Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me. Se foste del mondo, il mondo amerebbe ciò che è suo; poiché invece non siete del mondo, ma vi ho scelti io dal mondo, per questo il mondo vi odia. Ricordatevi della parola che io vi ho detto: “Un servo non è più grande del suo padrone”. Se hanno perseguitato me, perseguiteranno anche voi; se hanno osservato la mia parola, osserveranno anche la vostra. Ma faranno a voi tutto questo a causa del mio nome, perché non conoscono colui che mi ha mandato»

Fabiola ha detto...

E' probabile che io stia diventando paranoica e, vi prego, se è così ditemelo.
Come interpretate le parole (testuali) del cardinal Antonelli. (Avvenire). In un'intervista alla Stampa Antonelli ha detto che "l'esplosione di gioia e di contentezza " per l'elezione di Bergoglio si spiega col fatto che "il nuovo Papa corrisponde alle esigenze che sentivo forti prima del Conclave: auspicavo un papa che fosse uomo di Dio, in modo visibile, trasparente, forte".
E ora "che sia un uomo di Dio visibile ce ne siamo accorti tutti". La gente, aggiunge il cardinal Antonelli, "VUOLE VEDERE CRISTO; NON BASTA SENTIRNE PARLARE".
Ho trascritto tutto il passo per dare un contesto alle ultime parole che, a me, suonano come una stilettata. Ma, probabilmente, sono davvero diventata paranoica. Se non è così abbiamo un problema. E non sono i mass media.

Raffaella ha detto...

Agghiacciante, cara Fabiola!
No, non sei paranoica!
R.

Raffaella ha detto...

Leggo:

È giusto difenderlo... ma occhio alla croce. E quello che sta avvenendo è nella logica della croce. Finalmente.

Domanda molto "terra terra": perche' la croce deve essere portata da una sola persona?
R.

Fabiola ha detto...

E' vero anche Cristo è stato crocifisso dagli "ecclesiastici" del tempo, che hanno sobillato la folla.
Ma adorare il Crocifisso non significa collaborare coi crocifissori. Già lo facciamo, ogni giorno, col nostro peccato.
Lasciate almeno che lo difendiamo, come dei servi inutili.

Raffaella ha detto...

Eh...magari!
Anche io in fondo sognavo un discorso del genere stamattina.
R.

Anonimo ha detto...

Una semplice annotazione: il card. Antonelli ha scritto la prefazione di un libro di un noto sacerdote lombardo una settimana prima che venisse comunicata la sua dimessione dallo stato clericale...

Francesco ha detto...

Parole di apprezzamento perfino da Grillo, che a proposito del nuovo papa scrive: "Stanno già scavando nel suo passato, dalle letterine di scuola delle compagne, alla sua vita prima di diventare prete, ai rapporti con la dittatura argentina, per trovare ogni più piccola ombra e questo me lo rende simpatico. Quali papi sono stati crocifissi dalla stampa mezz'ora dopo essere stati eletti?"
Che domanda banale: Benedetto XVI! La cui crocifissione a quanto pare durerà in saecula saeculorum.

Comunque non preoccupatevi, l'idillio mediatico durerà poco.

cc ha detto...

anonimo delle 15:17, ma secondo te come si puo' mettere da parte uno come Benedetto xvi? Giovanni Paolo II ha compiuto la sua missione. quando e' morto, la sua fine terrena e' coincisa con la conclusione naturale della sua missione: quella di un Vicario di Cristo volto ad attrarre i fedeli col suo grande cuore e con la dimostrazione pratica attraverso la malattia e la sofferenza fisica dell'espiazione (lui che ha fatto dei mea culpa un punto centrale del suo pontificato). Benedetto ha messo con umilta' la sua sapienza teologica a disposizione dei fedeli e dei non fedeli per far conoscere il Cristo e la Chiesa. non e' salito sulla cattedra ma ha raccontato, ha narrato la cristianita' come un fraterno virgilio che ti accompagna in una vasta e infinita foresta di significati, vite, luci, ombre, male, bene, facce, parole. ebbene a questo virgilio e' stato impedito di svolgere la sua missione: gli hanno fatto imboscate, lo hanno deriso, lo hanno censurato, lo hanno minacciato, lo hanno oltraggiato, lo hanno imprigionato in una caricatura, in una maschera di ferro di luoghi comuni e banalita'. un sacerdote, teologo e pontefice come Benedetto ha cercato per 8 anni degli interlocutori e ha ricevuto in cambio indifferenza, condiscendenza e disprezzo. COME FAI A DIGERIRE UNA COSA SIMILE? COME SI PUO' PENSARE DI METTERE DIETRO LE SPALLE UN PONTEFICE A CUI E' STATO NEGATO IL DIRITTO DI PAROLA E DI PENSIERO? CHE E' STATO IDENTIFICATO CON UN'IMMAGINE DI SPALLE SENZA FACCIA? UN PONTEFICE CHE E' OGGI CHIUSO IN UN PALAZZO A CASTELGANDOLFO NEL SILENZIO DI UNA PIAZZA SVUOTATA IN CONTRASTO CON UNA PIAZZA VIRTUALE DI FEDELI IMPROVVISATI PRONTI A FAR PARTIRE LA CLAQUE PER OGNI PRODEZZA PAUPERISTA DECANTATA DA DEI MEDIA CHE HANNO UNANIMAMENTE DECRETATO CHE BERGOGLIO COME PAPA VA POMPATO PERCHE' MEDIATICAMENTE SFRUTTABILE. COME CACCHIO PUOI INGOIARE UN ROSPO SIMILE? IO N-O-N C-I R-I-E-S-C-O

felix ha detto...

Non lo citano per lo stesso motivo per cui citano sempre le parole "poveri e povertà" (cose giuste e che condivido) ma dimenticando il resto del discorso. Nell'omelia della Sistina Papa Francesco ha detto : noi possiamo camminare quanto vogliamo, possiamo edificare tante cose , ma se non confessiamo Gesù Cristo, la cosa non va. Diventeremmo una ONG assistenziale, ma non la Chiesa.”.Parafrasando un "discorso" di Gesù potremmo dire "anche altri, non facenti parte della Chiesa, fanno queste cose e aiutano i poveri".
Vedrete che prima o poi, dopo aver citato fino alla noia la frase che pare abbia detto al Cerimoniere che gliela porgeva " la mozzetta la metta Lei" , verrà usata per denigrare Benedetto che invece la portava.

Raffaella ha detto...

Gia' e' cosi', Felix!
R.

Anonimo ha detto...

sto vedendo a sua immagine.
che delusione carello,valente e soprattutto brunelli.
max2

Anonimo ha detto...

Povero padre George che fa segno al Papa di dare la benedizione e questo non la da per rispettare le coscienze...ditemi voi dove sta la continuità?!?

felix ha detto...

Ho appena ascoltato le interviste mandate in onda da A sua immagine. Vi confesso che ho pianto causa il dolore che ho provato ( ela rabbia conseguente) E' stata una critica feroce (velata non più di tanto) a Benedetto. Vergogna!
il mio nick name è Felix ma ho la motrte nel cuore!

Anonimo ha detto...

Guardate, sulla mozzetta abbiate bontà, è uno dei simboli del Sangue di Cristo insieme alle famigerate scarpe rosse che non sono della famosa stilista ma sono il simbolo del Martirio e del Sacrificio.
Non è un orpello, una versione elegante di un coprispalle moderno, un vezzo: è un simbolo, una delle insegne Pontificali, ha un significato pregnante e preciso.
C'era anche un bell'articolo di Sanchirico su L'Osservatore Romano che spiega la "semantica" di alcuni oggetti papali.
Eccolo, l'ho trovato: http://www.vatican.va/news_services/or/or_quo/cultura/2010/159q08a1.html
Perciò, davvero, basta con questa visione della mozzetta come "accessorio fashion old-style" o "capriccio", perché non lo è!!!
Ovviamente mi riferisco non certo ai commenti qui sul blog, ci mancherebbe, ma a certa stampa e a certe storture che non fanno onore alla Chiesa Cattolica perché dimostrano una grave ignoranza, anche in ambienti - che dovrebbero essere - specializzati.

Per il resto, io penso che anche Papa Francesco sia stufo di essere paragonato sempre a Papa Benedetto XVI. Sembra quasi che il mondo lo ami solo perché odia il predecessore. Secondo me non è piacevole neanche per lui, che ne esce pressoché "santificato" dalla stampa! ;-)

Ester. :-)

Anonimo ha detto...

Sono molto triste, non sono una cattolica praticante, ma sono costernata e sento di condividere finalmente con qualcuno che mi capisce il mio dolore. Mi piange il cuore per quello che stanno facendo a Benedetto. Ogni adorante commento che da ogni dove giunge per Francesco mi suona come una stelletTata contro Papa Benedetto. Forse è Lui il vero Cristo in Croce. Sento che tutti osannano Francesco I perchè ha detto udite udite " Buonasera"!ma scusata Papa Benedetto non ha teneramente detto Buona notte alle 6 del pomeriggio? Eppure... Francesco che rifiuta il crocifisso d'ora, che va in metro e bla bla come se poi Papa Benedetto fosse un avido e un esibizionista perchè indossava i tipici simboli Papali. Non riesco a lenire questo dolore che sento per Benedetto, un dolore che nessuno attorno a me comprende.
ANNA

sonny ha detto...

Mi verrebbe voglia di andare a Saxa Rubra e appendere fuori un cartello gigante: " Ammazza, ve siete riposizionati talmente veloci che tra un po' ve viene l'ernia". Mi scuso per l'uso improprio del romanesco. La settimana scorsa sembravano tutti mogi mogi nel vedere l'elicottero bianco volteggiare sul cupolone( lo spumante era già in fresco) e adesso sotto tutti presi dalla frenesia francescana. Dai volemose bbbene. Quasi quasi metto fuori la bandiera arcobaleno. Love and peace to all !

Anonimo ha detto...

La verità è che Francesco disdegna l'eredità e il magistero dell'unico vero Papa, Benedetto XVI.
Si veda la relativista benedizione apostolica (non) impartita ai giornalisti.
C'è da piangere.

Anonimo ha detto...

Visto come hanno lavorato i giornalisti in questi ultimi anni rispetto al Vaticano... il fatto di NON aver dato la benedizione apostolica ai giornalisti mi sembra piu' che positivo.
Non per la presenza di "altri" non cristiani, ma per quelli che si dicono tali e hanno spalato quintali di letame per anni e anni... e ora fanno tutti gli osannanti ma son prontissimi al crucifige se non si piega alle loro pretese mediatiche buoniste - vedete quanti hanno capito il "confessare" la fede.

Gianpaolo1951 ha detto...

Martedì la Santa Messa…
Sabato l’incontro con il Santo Padre Benedetto XVI…
Seguirà la settimana di Passione e la Santa Pasqua…
Poi ci sarà il “via libera”!…
Oh sì…,
allora e solo allora, si comincerà a delineare il vero volto del novello Francesco!!!

Fabiola ha detto...

@ Anonimo delle 16.33.
Mi sai dire da dove viene quella citazione e in che occasione il Papa ha detto quelle parole?
L'ho trovata anch'io su Facebook ma chi l'ha condivisa non mi ha saputo dire nulla di più tranne che l'ha presa dalla pagina Papa Francesco.

Anonimo ha detto...

C'è un popolo di farisei ipocriti, fuori (Corriere della Sera - Repubblica - Resto del Carlino - l'Unità - Libero) e, purtroppo, anche dentro la Chiesa, che esalta la figura di Papa Francesco basando le proprie opinioni su fatti esteriori che non hanno alcuna rilevanza, contrapponendovi, in senso negativo e con voluta ignoranza, TUTTI I PAPI PRECEDENTI (da Giovanni XXIII a Benedetto XVI).
Bastava approfondire gli scritti e le omelie del card. Bergoglio per conoscerne la ferma rispondenza alla dottrina cattolica, in particolare per quanto attiene il valore della famiglia fondata sul matrimonio, i matrimoni/adozioni omosessuali e l'aborto.
Chi oggi lo esalta basandosi solo sulle esteriorità, domani (quando il nuovo Pontefice inizierà ad andare in profondità per educarci alla fede) avrà un brusco risveglio e ricomincerà ad attaccare la Chiesa come oscurantista, retrograda e chi più ne ha più ne metta.
...e noi cristiani caschiamo da allocchi anche in questa situazione.....
Quando impareremo ad andare oltre le esteriorità e a vivere una fede matura?
Preghiamo lo Spirito Santo perché protegga il Santo Padre da tutte le persecuzioni ed i complotti, esterni e interni alla Chiesa, che hanno colpito i suoi predecessori, in particolare il papa emerito Benedetto XVI. Antonello

Anonimo ha detto...

In diretta dal TG1.
E' stato mandato in onda un servizio sui gadget per l'elezione del Papa, fatti in una notte: portachiavi, Rosari, cappellini, magliette, cartoline...

Il cronista:
"Papa Francesco sostituisce Papa Benedetto XVI a tempo di record, ora tutti gli scaffali riportano l'immagine del nuovo Papa".

L'ultima immagine è di un calco per medaglie in bronzo, con la punta di uno scalpello che, girando, tratteggiava una linea sopra la scritta BENEDICTUS (che non si leggeva per intero, ma si capiva).

Lascio a voi i commenti.
Ester (inviperita). :-(

Anonimo ha detto...

sanno che benedetto xvi vede il tg1 e quindi vogliono deliberatamente fargli del male?

Anonimo ha detto...

Ho appena finito di vomitare,sono disgustosi,neanche con GP2 ai tempi d'oro,altrochè papolatria,qui si sta costruendo il vitello d'oro da adorare,spero che Bergoglio sia davvero schivo e spirituale e metta fine a questa idolatria pagana,non gli fa bene come capo della CC,poi chi più in alto sale più in basso scende,ricordiamoci dell'ingresso di Cristo a Gerusalemme,gli auguro di non subire la stessa persecuzione cui è stato ed è sottoposto BXVI.GR2

corvo di rovo ha detto...

ma no!che persecuzione?
è sancita la pax mediatica e la tregua è assicurata.

http://www.huffingtonpost.it/2013/03/16/papa-francesco-chiude-le-ostilita-tra-chiesa-e-media-e-va-incontro-ai-giornalisti-come-francesco-a-fratello-lupo_n_2892151.html?utm_hp_ref=italy

laura ha detto...

I primi enusiasmi si spegneranno con il tempo e la luce di Papa Benedetto splenderà per sempre

Anonimo ha detto...

Caro Anonimo delle 20.51, il tuo è sicuramente un commento ironico, ma ti ringrazio di averlo scritto perché mi dà lo spunto per esplicitare qualcosa che, evidentemente, non sono riuscita a sottolineare sufficientemente nel mio commento.
Come sai, il TG1 delle 20 è uno dei media più seguiti in assoluto - non solo dal Papa emerito - ed è davvero, a mio umilissimo avviso, che una testata giornalistica considerata di livello alto possa attaccarsi persino ai gadget sull'elezione del nuovo Papa per creare una contrapposizione tra il Papa emerito e il Papa regnante. Non lo stile dottrinale, i contenuti di un discorso, ma gli oggetti celebrativi dell'elezione papale sono oggetto di discontinuità tra i Pontefici?...suvvia!!! Una caduta di stile davvero indegna di quello che si vanta di essere un forte organo di stampa.
Quell'immagine finale dello scalpello che cancellava il nome di Benedetto è stato davvero di pessimo gusto, per chi si è accorto della scritta. Cancellare il Pontificato di un uomo straordinario è impossibile, ma molta stampa prosegue in questa campagna mediatica scendendo davvero ad un livello scadentissimo. Che io ritenevo non possibile, non realizzabile!
Io continuo a non capire il desiderio di contrapporre i due Papi, così come fu tra Papa Giovanni Paolo II e Papa Benedetto XVI, con la differenza che il "vecchio" era migliore del "nuovo". Forse adesso, per fare una cosa diversa, dicono che il "nuovo" è migliore del "vecchio", chissà, sono misteri della stampa...
...e già penso a quante storture nasceranno nelle cronache dell'incontro tra i due Papi: speriamo ci sia da ridere (si veda Valli, ormai diventato il mio mito personale) e non da piangere! ;-)
Contenta di averti chiarito il dubbio,
Ester. :-)

gemma ha detto...

penso onestamente che ci preoccupiamo per nulla per quanto riguarda Benedetto. Lui è talmente in alto lassù sul monte che le piccinerie di quaggiù sicuramente non lo scalfiscono, meno che meno i servizi del tg1. Ed è un uomo talmente intelligente da aver sempre saputo che tanta della gloria che gli veniva tributata da cardinale e da papa altro non era che dovuta ai gradini terreni che occupava: giornalisti, intervistatori, scrittori, politici, pupi e pupari che lo riverivano, e che lui umilmente non mancava mai di ringraziare per qualunque cosa, sapeva benissimo essere lì per ciò che in quel momento rappresentava. Tutti questi pagliacci in realtà ora fanno soffrire noi, non lui. Più doloroso credo sia l'atteggiamento dei fratelli cardinali che fomentano gli esecutori finali, probabilmente gli stessi che prima dettavano nell'anonimato e ora sono semplicemente usciti allo scoperto. Nessuna stima evangelica riesco a provare per costoro, anche se ora a differenza di prima ci mettono la faccia, perchè troppo facile mettercela ora che è cambiato
l' inquilino del piano alto del Palazzo. Perchè tutto è cambiato, nessuno mi convincerà del contrario, tutto tranne Sodano, Bertone. Sodano porgerà l'anello ad un altro papa, pensa un pò, alla veneranda età di....Tutto nel segno della "riforma"

un passante ha detto...

i radicali cara raffaella quando sentono parlare di chiesa povera vanno in estasi. A tutti piace la chiesa che aiuta i poveri ma chiesa povera, a parte riempirsi la bocca con la frase che fa bello subito, nella pratica significa chiesa irrilevante, che non può dare nulla a chi non ha se è lei la prima a non avere. Si può sicuramente svendere tutto il Vaticano e ciò che contiene, svuotare le cattedrali, i paramenti, spedire tutto nei tuguri dell' Africa e e dell'America Latina, ma tempo una generazione non resterà più nulla per i poveri che arrivano dopo. Non si dimentichi che senza i soldi "sporchi" dello Ior non ci sarebbe stato nemmeno il finanziamento di Solidarnosc, l'aiuto alla chiesa polacca e altre chiese sofferenti per la persecuzione da parte del dittatore di turno. Certo, se i soldi della chiesa sono puliti è meglio, ma non si faccia ideologia in stile grillino anche su questo per favore, che vi fate solo del male.

un passante ha detto...

i radicali cara raffaella quando sentono parlare di chiesa povera vanno in estasi. A tutti piace la chiesa che aiuta i poveri ma chiesa povera, a parte riempirsi la bocca con la frase che fa bello subito, nella pratica significa chiesa irrilevante, che non può dare nulla a chi non ha se è lei la prima a non avere. Si può sicuramente svendere tutto il Vaticano e ciò che contiene, svuotare le cattedrali, i paramenti, spedire tutto nei tuguri dell' Africa e e dell'America Latina, ma tempo una generazione non resterà più nulla per i poveri che arrivano dopo. Non si dimentichi che senza i soldi "sporchi" dello Ior non ci sarebbe stato nemmeno il finanziamento di Solidarnosc, l'aiuto alla chiesa polacca e altre chiese sofferenti per la persecuzione da parte del dittatore di turno. Certo, se i soldi della chiesa sono puliti è meglio, ma non si faccia ideologia in stile grillino anche su questo per favore, che vi fate solo del male.

felix ha detto...

D'accordo sul discorso della Chiesa overa e povertà. Mi auguro che lo spirito Santo (nella persona di qualche "fratello" come Lui ha chiamato i Cardinali) gli faccia bonariamente notare che adesso non è più L'Arcivescobo di B.Aires ma il Papa (le cui parole sono + facilmente strumentalizzabili). Mi spiego: devono aiutarlo ad evitare certe affermazioni dettate da "'involontaria imprudenza " (mi perdoni Raffaella) come quella di Papa Benedetto che a Ratisbona forse inconsciamente convinto di essere ancora "il Prfof.Ratzinger" in quanto stava tenendo una "lectio Magistralis"
(succede a tutti, a volte per deformazione professionale ...) ha fatto la famosa citazione con le conseguenze che sappiamo e poi e
è stato lasciato solo da quasi tutti. Il secondo episodio vede invece la colpevole insipienza dei suoi collaboratori che non lo hanno avvertito delle affermazioni negazioniste di Williamson prima della cancellazione della scomunica dei Lefebriani, anche qui con le conseguenze e le inettitudini che conosciamo.
Volete una prova della necessità di quanto ho detto all'inizio?Eccola. Dopo l'udienza con il S.Padre TUTTI i giornalisti hanno sottolineato la parola "povertà", ma nessuno l'ha inserita nel contesto dell'omelia nella Sistina e cioè "... noi possiamo camminare quanto vogliamo, possiamo edificare tante cose , ma se non confessiamo Gesù Cristo, la cosa non va. Diventeremmo una ONG assistenziale, ma non la Chiesa".
Mi ha fatto male sentire certe espressioni che sembravano un " era ora ... finalmente" : un nuovo schiaffo a Benedetto!

Felix (mica tanto...)

felix ha detto...

(segue) Ho dimenticato di dire che sono perfettamente d'accordo con "un passante" di ieri alle 22,32

felix

Anonimo delle 7.00 ha detto...

Abbiamo visto cosa è successo dopo il viaggio in Africa, nessuno ha aperto bocca in difesa di Benedetto. Vi dirò una cosa in più: se non fosse stato per la prontezza e l'abilità di qualcuno (a cui va tutta la nostra ammirazione e il nostro grazie)nell'aver saputo toccare i tasti giusti, al Parlamento Europeo forse sarebbe passata una mozione di censura nei confronti di Papa Benedetto. Attraverso la sollecitazione della persona di cui sopra la suddetta mozione, per fortuna, è naufragata miseramente (è stata bocciata)

Anonimo ha detto...

Raffaella, tu conosci le persone che gestiscono la pagina Papa Francesco su fb? Se siamo sicuri che quella frase non è mai stata pronunciata è ooportuno che tolgano questo post: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=518316514885455

Un caro abbraccio,
jj83

Raffaella ha detto...

No, mi dispiace!
Non ne ho idea.
R.

dan ha detto...

E' la prima volta che scrivo anche se vi ho sempre seguito; mi dispiace ma non capisco davvero gli attacchi che fate al nuovo Papa. Ogni Papa ha il suo stile ed il suo modo di fare, ma se credete, sono doni dello Spirito. Il Papa è solo uno strumento, per far passare il messaggio evangelico; i tempi e i modi dipendono dalla personalità e dal modo di interpretare il messaggio; attaccando in questo modo Francesco, fate un torto maggiore a Papa Benedetto. su Doma

Fabiola ha detto...

Certo che quella citazione falsa andrebbe tolta.
Qualcuno che aveva rilanciato il link l'ha cancellato. Io lo conservo, sul mio diario, con una serie di commenti adeguati come segno dell'incredibile impazzimento generale.
Caro Dan, nessuno qui ha ha attaccato il Papa. Qualcuno ha invocato da lui parole non falsificabili sulla continuità della tradizione vivente nella Chiesa. Altri, (ecclesiastici e non ) stanno invece insultando Benedetto. I fatti sono questi.

felix ha detto...

Non me ne vogllia Dan ( al quale do il benvenuto su questo sito, essendo la prima volta che scrive)Non c'è nessun attacco a Papa Frncesco; se c'è qualche risentimento è riferibile solo a certa stampa che riferisce in modo distorto e incompleto ciò che dice
Papa Francesco. Come ho scritto nel post delle 8.15 benissimo riferire il richiamo alla povertà, ma per favore inseriamo anche la parte relativa del discorso della Sistina "noi possiamo camminare quanto vogliamo, possiamo edificare tante cose , ma se non confessiamo Gesù Cristo, la cosa non va. Diventeremmo una ONG assistenziale, ma non la Chiesa".
Altrimenti potrebbe non essere necessario essere discepoli di cristo per praticare la povertà. Ci ridurremmo ad un ente assistenziale qualunque, una ONG appunto.
Lo avesse nuovamente rimarcato , a mio modestissimo parere, sarebbe stato meglio.
Che abbiano iniziato a strumentalizzarlo mi sembra evidente.
PS Ho detto più volte che pur con tutto l'affetto che provo per Benedetto il Papa adesso è Francesco e proprio per il bene che gli voglio non vorrei che a poco a poco si passasse dagli Osanna ai Crucifige ( vedremo ad es. quando parlerà di argomenti "sensibili" o non negoziabili che dir si voglia).
Mi ha infastidito un po' sentire Boffo dire che questo non è il nuovo Papa ma il Papa nuovo. Sarebbe bene ricordarsi che ognuno ha il proprio carattere e come tale va preso per quello che è.

Luisa ha detto...

La persona che gestisce quella pagina è un catechista neocatecumenale.
Strano però che un privato possa creare un profilo sul nuovo vescovo di Roma et, en passant, fare un pò di pubblicità per il suo movimento!

Luisa ha detto...

Sarebbe bene togliere quel link ad una pagina facebook che si serve e di Papa Benedetto e del suo successore per altri fini, grave che il primo post cominci con un falso discorso del Vescovo di Roma.
O come trarre in inganno le gente che cade nel tranello.

un passante ha detto...

Se e' il Papa nuovo allora c' e discontinuità, e lo ha detto Boffo, dirigente della tv dei vescovi. Che durerà ancora poco immagino, perché una chiesa povera stona che abbia la tv. E sarà sempre più difficile mantenerla quando non ci sarà più l'otto per mille, che stona pure quello con la chiesa povera, visto che ormai anche lo stato sta virando al povero. Poveri noi!

Raffaella ha detto...

Ho tolto la frase mai pronunciata su Benedetto XVI ed i media.
R.

corvo di rovo ha detto...

anche io penso che la chiesa povera auspicata dal nuovo papa e rilanciata dai cardinali elettori e da molti vescovi non abbia bisogno di televisioni.
l'otto per mille stride con la povertà.
è per questo che da quest'anno devolverò la cifra allo stato in piena obbedienza ai dettami del papa e dei vescovi.

felix ha detto...

@ corvo di rovo: poi con che soldi noi dei Centri d'ascolto caritas aiutiamo chi ha bisogno? Adesso c'è gente che viene da noi perché non ha + i soldi per fare la spesa. Li dia pure allo stato così rimpimgua le casse dei partiti attraverso il finanziamento pubblico (chiamato erroneamente rimborso!) Senza offesa si rilegga attentamente quello che il Papa ha detto nella Sistina.
PS Conosco vescovi italiani che da tempo cucinano da soli, non hanno mai avuto l'autista e sono andati alla loro dioesi in treno e ... se del caso mettono le mani nel mototre se la loro automobile si ferma e non vuole più ripartire.